Una Gara da Ricordare…A Race to Remember

Ironman 70.3 Italy, 2012  

The Race Report

A plane ride, a train ride, a bus and a subway – typical modes of transportation when traveling through Europe and on any other given day two girls traveling from coast to coast in Italy would have never raised an eyebrow, but take two bike cases and race luggage and you get a lot of questions.

Questions at which I couldn’t translate word for word, but when staring and pointing are followed by words we quickly learned our first Italian words of our trip: bicycle – bicicletta, swimming – nuoto and running – esecuzione and race – corsa.    Along with the language of body gestures, we quickly started to adapt our new foreign land, as we became Italians for the week.

A typical European race start, so we had time to get up, eat breakfast and stop for a café before going to transition.  Not even a minute after uncovering my bike the rain fell.  Goodness that it only fell for about 5 minutes and then it was on to a slightly cloudy day with gradual increasing wind.  In transition we met a group of Americans in the Navy who are stationed in Sicily (Christine who did her first triathlon ever and did amazing! We will be visiting you in Sicily.) Who take their days off to do races throughout Europe.  I ran into one of the girls I me in Panama who was from England; I am finally starting to run into other international travelers which is so exciting for me!

After we hopped out of transition we walked back to our apartment to listen to some music, relax and suit up…that’s right, we put our wetsuits on before we left our apartment because we were so close to the start (it’s really the only way to go if you can pull it off).

Pushing off shore at 8:50 with 300 other athletes in the same wave always causes a little chaos, but much to my surprise the start was easiest part of the race!  As the wave started off swimming in the direction of Croatia, the choppy waves and current made it difficult to stay on course, but somehow I managed even though there was a moment of doubt on whether or not I would survive.  The swim took us straight out 850 meters with a turn toward the north for 300, which we were informed if at this point we hit shore we have missed our turn and have definitely gone too far.

Time for the bicicletta!  Onward and upward…literally, as we took on a 2 lap, 2 hill climb, too long course.  Locals lined the towns and top of the hills while enjoying their morning café as they cheered you on yelling your name (or my Italian version of it…Keembarly, which I loved).

After making it to the top of the first hill, which was a joke in comparison to what we rode earlier in the week on our attempt to ride the course, I found myself at ease now know what I had in store for the rest of the race.  I spent the first 90 minutes taking the scenery; it would have been a crying shame had you gone through the entire ride and not notice the small villages, and olive groves painted with the back drop of snow covered mountains.  I greeted the local spectators with frequent buon giorno e grazie as they were just as wrapped up into the race as I was.  Feeling strong and fit and committed to this race 100%, not only was I having a great time taking in the experience of riding in Italy, but also I was working hard and feeling good as I did it.  The ride was so much fun as you take twists and turns up and down the hills.  If you are brave enough to go aggressive, you can get some good speed down some of the descents.  On others you may be not so lucky and take the chance of wiping out on the switchbacks, as I almost did a couple times…I swear my rims hit the road.  As the second lap came around I had a few moments where I thought maybe I had gone out too fast on the first lap like I always do through the first half of and 70.3 race I have ever done but somehow I convenience myself to hold on to the end and keep up the fight against the increasing wind speed.

Nutrition was going well until the aid station in Peniella had no water on the second lap and only ISO which I was not about to try for the first time in the middle of this race.  That was only until I ran out of water and was left with the only other aide station what was strictly ISO and 4km from the end of the bike…and I took it with no other choice, leaving the outcome of my race to my nutrition.

First lap I got passed by only a couple women.  A few more passed my on the second lap as they were tucked tight in a giant peloton of 30 plus people in the final 10k stretch into the wind heading back to Pescara.  It made me sick.  It’s so frustrating to get beat and passed by people who don’t follow the rules.  And there goes my only tangent on fairness and rules.

I made it through run transition almost as fast I as I did the first one and with no problem.  Taking to the road by foot I head toward the hills.  At this point I think any hill would have felt like a mountain, but one of the hills took my 8 minute pace run to an immediate 9:30 and kick my ass from there on.  Would not have been so bad had it on been on the course to run 3 times, but it was.  I passed a few, a few passed me and in the end I came out with a fairly slow half marathon.  Could I say I was disappointed with my run performance…yes?  I gave I had to give and there was nothing else left in the tank.  The disappointment lies where I have been running my best in about 5 years, so I expected more out of myself.

But all in all, I went out on the swim start aggressively and cranked it hard on those hills never letting up.  Finally in the end on the run in the final kick about 1.2km to the finish line as one girl tried to pass me I decided to go for it and never let up.  Running through the narrow crowds across the sandy beach as spectators cheered my name followed by a lot of “bravos”, I ran across that finish line with nothing left in me.  I gave it my all.  Feeling so good about what I had accomplish, I didn’t even care what place I came in, but then again I have never really cared in the past what place I had ever gotten at this distance.  But giving all what was left me gave me the best finish I have ever had in a Half Ironman – 5th in my age group and 20th place amateur, with only 1 other American beating me (who passed me in the first 5k on the bike).

Swimming beyond the shores into the Adriatic Sea, racing my bike through the Abruzzi Region and running along the streets of Pescara I found myself the new “repeater” race I would do.  It is one I would repeat year-to-year with no questions asked.  I have always been fond of Oceanside, but now the little town of Pescara, Italy has stolen my heart and my lust for triathlons in Europe.  I cannot wait for next year; I will be stronger and faster and speak better Italian.

 

 

…and my lame attempt to translate using Google Translate

Una Gara da Ricordare

Un viaggio in aereo, in treno, un autobus e una metropolitana – le modalità tipiche di trasporto che viaggiano attraverso l’Europa e su qualsiasi altro giorno dato due ragazze che viaggiano da costa a costa in Italia non avrebbe mai alzato un sopracciglio, ma prendere due casi bicicletta e bagagli gara e si ottiene un sacco di domande.

Domande a cui non riuscivo a tradurre parola per parola, ma quando guardando e indicando sono seguiti da parole che abbiamo imparato rapidamente le nostre prime parole italiane del nostro viaggio: bicicletta – bicicletta, il nuoto – Nuoto – esecuzione e la gestione e la corsa – corsa. Insieme con il linguaggio dei gesti del corpo, abbiamo subito iniziato a migliorare il nostro nuova terra straniera, come siamo diventati italiani per la settimana.

Un inizio tipica razza europea, così abbiamo avuto il tempo di alzarsi, fare colazione e sosta per un caffè prima di andare a transizione. Nemmeno un minuto dopo aver scoperto la mia moto la pioggia cadeva. Bontà che solo caduto per circa 5 minuti e poi era una giornata poco nuvoloso con progressivo aumentare del vento. In transizione abbiamo incontrato un gruppo di americani in Marina, che sono di stanza in Sicilia (Christine che ha fatto il suo primo triathlon e ha fatto incredibile! Noi vi sarà in visita in Sicilia.) Che prendono i loro giorni di ferie per fare gare in tutta Europa. Mi sono imbattuto in una delle ragazze che mi a Panama, che era in Inghilterra, sto finalmente iniziando a correre in altri viaggiatori internazionali che è così eccitante per me!

Dopo aver saltato fuori di transizione tornammo al nostro appartamento per ascoltare musica, rilassarsi e soddisfare up … è vero, abbiamo messo le nostre mute prima di abbiamo lasciato la nostra casa perché siamo stati così vicini al punto di partenza (è davvero l’unico modo da percorrere se si può tirare fuori).

Spingendo off shore alle 8:50 con 300 atleti di altre cause sempre un po ‘di caos, ma con mia grande sorpresa la partenza è stata parte più facile della gara! Come l’onda ha cominciato nuotare in direzione della Croazia, le onde increspate e la corrente ha reso difficile mantenere la rotta, ma in qualche modo sono riuscito anche se c’è stato un momento di dubbio sull’opportunità o meno sarei sopravvissuto. Il nuoto ci ha portato verso l’esterno a 850 metri, con una svolta verso il nord per 300, che sono stati informati se noi a questo punto ci ha colpito riva abbiamo perso il nostro turno e sono decisamente andati troppo oltre.
Tempo per la bicicletta! Onward e verso l’alto … letteralmente, in quanto abbiamo preso in un giro 2, 2 Hill Climb, ovviamente troppo lungo. Le montagne di neve superiori con dolci colline di aziende olivicole dipinse il paesaggio in tutta la corsa come si guidato da una città all’altra in Abruzzo. Gli abitanti del posto allineato le città e la parte superiore delle colline mentre godendo la loro café mattina ti acclamato urlando il tuo nome (o la mia versione italiana di questo … Keembarly, che ho amato).

Dopo aver in cima della prima collina, che era uno scherzo in confronto a quello che abbiamo cavalcato all’inizio della settimana sul nostro tentativo di cavalcare il corso, mi sono trovato a mio agio ora so quello che avevo in serbo per il resto del gara. Ho passato i primi 90 minuti, tenendo il paesaggio, ma sarebbe stato un vero peccato ti aveva attraversato l’intera corsa e non notare i piccoli villaggi, e uliveti dipinti con la caduta di schiena delle montagne coperte di neve. Ho salutato gli spettatori locali con frequenti Buon Giorno Grazie e come sono stati altrettanto avvolto nella corsa come me. Sentendosi forte e in forma e impegnati in questa gara 100%, non solo stavo avendo un grande momento di prendere l’esperienza di guida in Italia, ma anche stavo lavorando duro e sentirsi bene come ho fatto. La corsa era così divertente come si prende colpi e gira su e giù per le colline. Se siete abbastanza coraggiosi per andare aggressivo, è possibile ottenere qualche buona velocità verso il basso alcune delle discese. Su altri si può non essere così fortunati e prendere la possibilità di cancellare i tornanti, come ho quasi fatto un paio di volte … giuro la mia cerchi colpire la strada. Mentre il secondo giro è venuto intorno ho avuto alcuni momenti in cui ho pensato che forse ero andato troppo veloce nel primo giro, come faccio sempre fino alla prima metà di gara e di 70,3 che io abbia mai fatto, ma in qualche modo me la convenienza a mantenere il alla fine e mantenere la lotta contro la velocità del vento in aumento.

Nutrition stava andando bene fino alla stazione di aiuti Peniella non aveva acqua al secondo giro e solo ISO, che non avevo intenzione di provare per la prima volta nel bel mezzo di questa razza. Questo è stato solo fino a quando ho finito di acqua ed è stato lasciato con la sola stazione di aiutante altri ciò che era strettamente ISO ea 4 km dalla fine della moto … e l’ho portato con altra scelta, lasciando il risultato della mia razza alla mia alimentazione.

Primo giro sono stato superato solo da un paio di donne. Un po ‘di più il mio passato al secondo giro come erano stretti nascosto in una volata gigante di oltre 30 persone nel tratto finale 10k al vento di tornare a Pescara. Mi ha fatto male. E ‘così frustrante per ottenere ritmo e passò da persone che non seguono le regole. E ci va la mia tangente solo sulla correttezza e regole.
L’ho fatto per mezzo di transizione run quasi veloce come ho fatto io il primo e con nessun problema. Prendendo la strada a piedi mi dirigo verso le colline. A questo punto credo che qualsiasi collina si sarebbe sentito come una montagna, ma una delle colline preso il mio ritmo di 8 minuti di corsa ad un immediato 9:30 e calci il culo da lì. Non sarebbe stato così male era stato sul sul corso a correre 3 volte, ma era. Ho passato alcuni, pochi mi ha passato e alla fine sono uscito con una mezza maratona piuttosto lento. Potrei dire che sono rimasto deluso della mia prestazione run … sì? Ho dato ho dovuto dare e non c’era nient’altro rimasta nel serbatoio. La delusione si trova dove ho fatto funzionare il mio meglio in circa 5 anni, quindi mi aspettavo di più da me stesso.

Ma tutto sommato, sono andato sul nuoto inizia a gomito in modo aggressivo e difficile su quelle colline non mollare. Infine, alla fine in fuga nel finale su calcio di 1,2 chilometri al traguardo come una ragazza ha cercato di passarmi ho deciso di andare per esso e non mollare. Scorrendo la folla stretti di fronte alla spiaggia di sabbia come spettatori applaudirono il mio nome seguito da un sacco di “bravi”, mi sono imbattuto in quella traguardo con nulla in me. Ho dato tutto me stesso. Sentirsi così bene quello che avevo realizzare, non mi importa neanche che posto sono entrato, ma poi non ho mai veramente curato in passato, quale luogo che io abbia mai ottenuto a questa distanza. Ma dando tutto quello che mi ha lasciato mi ha dato la migliore finitura che io abbia mai avuto in un mezzo Ironman – 5 nella mia fascia d’età e dilettanti 20 ° posto, con solo 1 altro americano battendo me (che mi ha superato nel primo 5k sulla moto) .

Nuoto al di là delle sponde nel mare Adriatico, la mia bici da corsa attraverso la Regione Abruzzo e che corre lungo le strade di Pescara mi sono trovato la nuova razza “repeater” farei. Si tratta di uno vorrei ripetere anno per anno, senza fare domande. Sono sempre stato appassionato di Oceanside, ma ora la piccola città di Pescara, l’Italia ha rubato il mio cuore e la mia sete di triathlon in Europa. Non vedo l’ora per il prossimo anno, sarò più forte e più veloce e parlare meglio italiano.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s